autunno

Regole del forum
Opere Poetiche di tutti i generi( dalla Ballata al Madrigale, dallo Strambotto al Sonetto, dall'Ode alla Romanza etc etc ) ed espresse con le più varie tendenze e correnti poetiche ( dal Dolce Stil Novo, al Futurismo, all'Ermetismo, al Modernismo etc etc.

I commenti alle Poesie pubblicate siano essi di apprezzamento o di critica debbono essere motivati indicando i n via generica i punti di forza e di debolezza che il commentatore riscontra. ( contenuto poetico , genere e tendenza , figure poetiche, stile espressivo etc etc)

Non sono consentiti nella Sezione suggerimenti e parziali riscritture di versi strofe e semplici lemmi , per i quali si rimanda alla sezione appositamente dedicate ( Laboratorio Poetico)

Rispondi

:
Per prevenire invii automatici, ti chiediamo di inserire il testo visualizzato.

BBCode non attivo
Emoticon non attive
Revisione opera
   

Espandi visuale Revisione opera: autunno

Re: autunno

Messaggio da Sarino » 30 settembre 2017, 9:50

confermo incipit grandioso, ma tutta la poesia pervade con immagini icastiche di notevole bellezza!
Aleggia una sorta di leggera malinconia che giunge in chiusa con la consapevolezza di chi sa "leggere" la vita, emozionandosi!
Bellissima

Re: autunno

Messaggio da f.almerighi » 29 settembre 2017, 14:04

l'incipit è formidabile

Re: autunno

Messaggio da lastellachebrilla » 24 settembre 2017, 23:26

vaibhava das ha scritto:I punti sono unità di luce, fotoni. Ravvivano ed avvalgono, essi, il mare. Non è il sale a mantenerlo, bensì il sapore di individui frammentari si, fulgidi ed esuberanti, per cui il sale è pietrificazione di sapore arcano espressivo nei e dai punti.
Dispersi...cioè ovunque. Dante, nella "Vita Nova", parla di "spiriti del viso", in primis del Viso di Dio. Noi siamo rima sti a quello. Rima.


bella questa tua lettura
fa emergere una visione che non era nelle mie intenzioni
....
complimenti

Re: autunno

Messaggio da vaibhava das » 22 settembre 2017, 15:45

I punti sono unità di luce, fotoni. Ravvivano ed avvalgono, essi, il mare. Non è il sale a mantenerlo, bensì il sapore di individui frammentari si, fulgidi ed esuberanti, per cui il sale è pietrificazione di sapore arcano espressivo nei e dai punti.
Dispersi...cioè ovunque. Dante, nella "Vita Nova", parla di "spiriti del viso", in primis del Viso di Dio. Noi siamo rima sti a quello. Rima.

autunno

Messaggio da lastellachebrilla » 22 settembre 2017, 11:02

sai che i punti quando si mettono
svolazzano da più parti
e la memoria si fa nulla

privi di materia - e di carne - sono fissati
nei luoghi più disparati
ne tento la mappatura a vuoto

rimpiango il mare i raggi del sole mischiati fra le onde
l'odore fresco del sale dentro le narici
l'acqua azzurra che sostiene

Top