Firenze, verso le Porte Sante

Regole del forum
Opere Poetiche di tutti i generi( dalla Ballata al Madrigale, dallo Strambotto al Sonetto, dall'Ode alla Romanza etc etc ) ed espresse con le più varie tendenze e correnti poetiche ( dal Dolce Stil Novo, al Futurismo, all'Ermetismo, al Modernismo etc etc.

I commenti alle Poesie pubblicate siano essi di apprezzamento o di critica debbono essere motivati indicando i n via generica i punti di forza e di debolezza che il commentatore riscontra. ( contenuto poetico , genere e tendenza , figure poetiche, stile espressivo etc etc)

Non sono consentiti nella Sezione suggerimenti e parziali riscritture di versi strofe e semplici lemmi , per i quali si rimanda alla sezione appositamente dedicate ( Laboratorio Poetico)

Rispondi

:
Per prevenire invii automatici, ti chiediamo di inserire il testo visualizzato.

BBCode non attivo
Emoticon non attive
Revisione opera
   

Espandi visuale Revisione opera: Firenze, verso le Porte Sante

Re: Firenze, verso le Porte Sante

Messaggio da vaibhava das » 9 novembre 2017, 20:18

Quando san Miniato fu fatta edificare dal vescovo Alibrando, ormai due secoli or sono, la città era ancora concorde in sé, e devota all'autorità imperiale. Dal colle pisano, san Miniato al tedesco ospiterà, prima dei fatti del Buondelmonti e degli Amidei sul Ponte Vecchio, l'autorità di Federico secondo.

Firenze, verso le Porte Sante

Messaggio da _Marina_Pacifici » 9 novembre 2017, 20:06

Sembrava un acquerello Firenze
vista da San Miniato
con Santa Maria del Fiore che si stagliava in lontananza,
il lungarno e la bellezza francescana di Santa Croce.

Ora che ritrovo nel mio cuore
quelle immagini di luce
nell'ombra esule di una stanza
e la nostalgia possente riprende voce.

Sobria la scalinata di San Miniato
splendeva nella pioggia d'autunno un mattino
portandoci al sagrato della chiesa.
Era lo stupore magico
e l'incanto di un sogno fiorentino
in un giorno perfetto senza resa.

Di piogge a San Miniato al Monte ne ho viste
e nel cuore con dolcezza
in gocce di ricordi le ho serbate tutte quante,
come la sublime armonia del silenzio
e la carezza del vento fra i cipressi
nell'ascesa verso le Porte Sante.

Top