L'interrogazione

Avatar utente
ZERO
 
Messaggi: 380
Iscritto il: 16 dicembre 2014, 6:48
Ha ringraziato: 259 volte
E’ stato ringraziato: 163 volte

L'interrogazione

da ZERO » 23 aprile 2017, 14:32


L’ interrogazione by Zero
(ad uso e consumo de la gente de Roma)


Mo ve ricconto come hanno ridotto
sta pora città nostra…quella eterna.

Na vorta c’avevamo na città su sette colli,
c’avevamo pure un fiume, niente de speciale
però se n’annava tranquillo verso er mare.
Sur fiume c’era sempre qualche barcarolo,
e quanno in cielo s’affacciava monna luna
se vedeva quarche ciumachella bionda o bruna.

Perfino er Papa se fece casa da ste parti,
e fu così che mezzo monno seppe
che sortanto a Roma se magnava e se beveva
senza rovinasse troppo la saccoccia.
Un giorno venne pure un certo sor Camillo conte de Cavour,
venne pe provà la matriciana…diceva lui,
ma tra na vaccinara e na trippa alla romana…sentenziò che
“Roma e soltanto Roma dev’esse capitale dell’itaglia”.

E vabbé, disse in coro er popolo romano,
armeno non pagamo più le tasse ai papalini.
Manco pe gnente!
Dissero i prodi venuti de lontano
le tasse e l’imu ce le dovete dà…e sinnò noi che se magnano?
A padreté! Se po’ sapè che cacchio j’è successo a sta città?
Mo sur fiume le ciumachelle se so fatte tutte nere,
e a noi ce resta de magnà sortanto cacio e pere…

Er popolo scocciato decise de fa interrogazione.
Presero carta e penna e scrissero ar Signore:

«Illustrissimo,
perdona tanto er nostro ardire,
ma noi se semo rotti li corbelli
d’avecce tra le balle tutti quelli
che se gratteno la panza
e vengheno quaggiù pe fasse belli.

Se semo rotti d’avecce quei fighetti
che dentro er parlamento fanno a botte
poi s’incontrano de fori e vanno a batte.
Ma perché nun ce fai campà
come sapemo noi,
quanno co du sordi de minestra
e poche lire dentro la saccoccia
ce sembrava d’esse i re de casa nostra?

Mo co sto cacchio d’euro pesante
nun c’avemo più manco er popolo gnorante.
So tutti diventati aggiotatori,
esperti de finanza,
don Chisciotte culattoni,
ricattati o estorsori.
A padretè, non dico de rifà Sodoma e Gomorra,
ma armeno de mannalli a quer paese…e che madonna!»
Nelle nostre vite c'è un solo colore che dona senso all'arte e alla vita stessa: il colore dell'onestà mentale.

Avatar utente
vaibhava das
 
Messaggi: 1702
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:37
Ha ringraziato: 20 volte
E’ stato ringraziato: 567 volte

Re: L'interrogazione

da vaibhava das » 25 aprile 2017, 20:05

Non solo pizza: pasta, e, poi, caciara:
ciascuno tira e campa come vuole;
a Roma tante beffe indir si suole,
cantando per la vita meno amara.

L'ironia romanesca, in apparenza alla come viene viene, è in realtà intrinsecamente dissacratoria, sebbene basata sull'ironia, bonaria, del lasciar campare i paradossi. Insomma, alla fine del sonetto sulfureo del Belli, sta la conclusione della vanvera ben diretta e del sorriso del grottesco.

Avatar utente
f.almerighi
 
Messaggi: 1471
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 10:27
Ha ringraziato: 187 volte
E’ stato ringraziato: 568 volte

Re: L'interrogazione

da f.almerighi » 2 maggio 2017, 13:50

mica facile in tempo da villaggio globale "mannarli a quer paese", quale, se tutto il mondo è paese?


Torna a Opere multimediali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron