L'ECO DEL PROF. ECO...

Saggi riguardanti ogni branca del sapere.

Recensioni di libri, spettacoli teatrali, film, opere liriche, concerti, mostre e musei, iniziative popolari.

Articoli su fatti di attualità sociale e politica, storica e geografica, scientifica e tecnologica, astronomica e astrologica , psicologica ed etologica.

Reportage di viaggi ed esperienze ad essi connessi. Popoli e civiltà.
Regole del forum
Saggi riguardanti ogno branca del sapere.

Recensioni di libri, spettacoli teatrali, film, opere liriche, concerti, mostre e musei, iniziative popolari.

Articoli su fatti di attualità sociale e politica, storica e geografica, scientifica e tecnologica, astronomica e astrologica , psicologica ed etologica.

Reportage di viaggi ed esperienze ad essi connessi. Popoli e civiltà.
Avatar utente
guga
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 0:46
Località: Lido di Roma
Ha ringraziato: 206 volte
E’ stato ringraziato: 370 volte

L'ECO DEL PROF. ECO...

da guga » 2 gennaio 2016, 12:37

Ho letto le affermazioni di Umberto Eco sulla proliferazione degli imbecilli che pontificano nei social network e il rumoroso dibattito che ne segue: personalmente penso che il Professore abbia usato un paradosso per esprimere una verità incontestabile: in effetti c'è l'invasione dei cretini sulle "pagine" di Facebook, Twitter e quant'altro ma non sono d'accordo con lui sulla necessità di intervenire a monte con soluzioni che possono apparire censorie: deve essere capacità di chi legge saper distinguere l'imbecillità dalla cultura e il vero dal falso.

Poi c'è un altro aspetto che il grande scrittore non prende in considerazione: se è indubitabile che i social network offrono ospitalità ai cretini di ogni risma, danno anche la possibilità a molti che non ne avrebbero mai avuto l'occasione di far conoscere le proprie idee e i propri scritti, tutt'altro che imbecilli o idioti.

Insomma un do ut des, in ultima analisi, accettabile!

Avatar utente
vaibhava das
 
Messaggi: 1888
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:37
Ha ringraziato: 24 volte
E’ stato ringraziato: 622 volte

Re: L'ECO DEL PROF. ECO...

da vaibhava das » 2 gennaio 2016, 15:12

Condivido, inoltre mi chiedo se Umberto lo dice di suo, di intervenire a monte con la censura, o se, invece, ci siano altri i quali glielo facciano dire.

no avatar
scorpio
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 12 dicembre 2015, 22:12
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 0 volte

Re: L'ECO DEL PROF. ECO...

da scorpio » 2 gennaio 2016, 15:36

Sì, questo potrebbe essere un interessante argomento di discussione: molta è la letteratura che si è già spesa in osservazione e documentazione del fenomeno. Questione per nulla semplice da maneggiare.

Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Re: L'ECO DEL PROF. ECO...

da malatesta » 5 gennaio 2016, 13:57

Io credo che si confonda lo strumento di comunicazione con la comunicazione, di imbecilli al mio bar ne ricordo tanti, anche nelle assemblee scolastiche, come sui giornalini della chiesa, e si dimentica che almeno adesso essi sono più visibili e trasparenti, ai non imbecilli(?) resta il compito di rimanere tali.
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren

Avatar utente
guga
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 0:46
Località: Lido di Roma
Ha ringraziato: 206 volte
E’ stato ringraziato: 370 volte

Re: L'ECO DEL PROF. ECO...

da guga » 5 gennaio 2016, 20:28

@malatesta
^^^^^^^^^^
E' soltanto una questione di numeri...
Quelli di un condominio li sopporti, la moltitudine di INTERNET un po' di meno.


Torna a Saggi, articoli e recensioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite