Pagina 1 di 1

Schierano i fanti, e la cavalleria,

MessaggioInviato: 31 agosto 2017, 14:14
da vaibhava das
Schierano i fanti, e la cavalleria;
dai poggi in sulla piana, a Campaldino;
l'imperator già è in gloria; in Casentino
si vive, si trapassa, in dramma e in scia; 4

ciascun balivo il campo avverso spia
mentre, nei cieli, il canto è assai più fino;
io sovra il monte, e guardo giù, cammino
lo scontro imminet, la tragedia fia. 8

Dante, tra i cavalieri cittadini,
inseguirà Bonconte in sull'Archiano,
e, messer Corso, guida i pistoiesi; 11

dal Montefeltro han furia i ghibellini
mentre, da Arezzo sangue fan di mano,
e, i Conti Guidi, restan soli illesi..... 14

.....stormì, un diluvio, i morti al rio, dal piano. 15


Il dì undicesimo di Iddio sommo, nel giugno del MCCLXXXIX 1289, si scontrarono i ghibellini d'Arezzo insieme ai Conti del Montefeltro da una parte, contro i fiorentini, i pistoiesi ed i senesi dall'altra, sulla piana di Campaldino. A sera, un diluvio torrenziale volse i corpi morti, dalla pianura, al fiume Archiano, in piena tumultuosa. Molti ritornarono a Firenze feriti gravemente, e vi morirono. Dante stesso si ammalò e dovette rimanere infermo per lunghi giorni, Bonconte da Montefeltro, ghibellino, perì nella piena del fiume ed i Conti Guidi, dalla riserva, non entrarono nei combattimenti. Dopo la battaglia vendettero i loro possedimenti a Viero de' Cerchi, fiorentino guelfo di parte bianca. I conti montefeltri persero con onore, gli aretini pugnarono slealmente. Ma l'Altissimo ineffabile, nei Cieli, ne sa di più (dalle cronache del Dino Compagni).

Re: Schierano i fanti, e la cavalleria,

MessaggioInviato: 14 settembre 2017, 13:21
da f.almerighi
rinfresca il ricordo di un antico viaggio presso il borgo di Poppi