Espansione e contrazione

Regole del forum
Testi connotati da aspetti intimistici dell'Autore o di Personaggi di pura fantasia. Elemento caratterizzante è l'elemento psicologico afferente il personaggio o una azione o serie di comportamenti del personaggio.
no avatar
LidiaG
 
Messaggi: 1364
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 12:13
Ha ringraziato: 517 volte
E’ stato ringraziato: 533 volte

Espansione e contrazione

da LidiaG » 11 febbraio 2016, 15:04

Pensavo che l’incidente domestico che mi avrebbe costretto a tenere immobilizzata per qualche tempo la mano sinistra non mi avrebbe comportato troppi rallentamenti. Ma mi sbagliavo.

Sono destrorsa convinta e ho questa mano sinistra che è sempre stata una sfaticata. Il lavoro più pesante che ha portato a termine da sola è stato quello di sollevarsi in una chiesa per farsi mettere la fede al dito. Le unghie chi gliele lima alla perfezione? La destra invece deve accontentarsi del suo lavoro maldestro, cioè sinistro.

D’altronde c’è sempre chi lavora e chi beneficia delle fatiche altrui. Stessa cosa con il divano sinistro.

Era sinistro guardandolo da quello che stava a destra dove sedevo io. Io sedevo a destra e tu a sinistra. Prima di te a sinistra c’era lui.

Tu come un suo prolungamento eri rimasta sul divano sinistro dove prima c’era lui e da questa staffetta è nata la forza che ha tenuto compatta ogni molecola di stoffa, di legno, di telaio. E come una mano sinistra mi hai aiutato ogni mattina a continuare ad allacciarmi il reggiseno delle illusioni che dopo di lui stavano precipitando all’inferno.

Ora che il divano sinistro è vuoto, le sue molecole hanno iniziato a espandersi, si dilatano, si sformano, acquistano volume e schiacciano il divano destro, dove siedo io. Quel divano dove non sei più sta liberando energia, si espande, mi schiaccia al muro, comprimendomi alla dimensione di punto.

Ho tentato di oppormi. Come quando accarezzavo la fede nuziale nell’illusione che fosse la lampada del genio da strofinare per far realizzare il desiderio, ho accarezzato immagini di te dentro una foto e il pelo di tutti i quattro zampe che incrocio. Ma il vostro divano continua a crescere e mi divorerà. La sua materia imploderà e mi cascherà dentro come in un buco nero. Sarà come guardarla in faccia e chiamarla con i suoi veri nomi: paura, solitudine, disfacimento.

Anche le vocali a volte s’arrendono per questioni di metrica. Aprirsi alla sinalefe. Accettare la contrazione. Per ritornare suono. O solo una vocale aggiustata dopo lo scontro.
"C’è una foresta vergine in ciascuno di noi in cui preferiamo addentrarci da soli. Avere sempre la solidarietà, essere sempre accompagnati, essere sempre compresi, sarebbe intollerabile."
Virginia Woolf "Collected Essays"

Avatar utente
Aleteia
 
Messaggi: 169
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:58
Ha ringraziato: 67 volte
E’ stato ringraziato: 46 volte

Re: Espansione e contrazione

da Aleteia » 11 febbraio 2016, 18:06

devi sentirti Lidia... devi abbracciare te stessa e sentire la tua consistenza fisica, devi essere consapevole di esistere nonostante tutto.

so che è difficile <3
La libertà dell’essere passa attraverso il rogo dell’apparire
Margot Croce

no avatar
lastellachebrilla
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 14 dicembre 2014, 23:53
Ha ringraziato: 250 volte
E’ stato ringraziato: 185 volte

Re: Espansione e contrazione

da lastellachebrilla » 12 febbraio 2016, 0:02

Si dice che quando si riesce a capire qualcosa di se'
De proprio dolore e si riesce ad esternarlo
Si e' ad un buon punto
...
Espansione e contrazione
Come spazio che si frammenta
Si modifica nel movimento
E torna ad essere quello che era in origine

Lidia sorridi
Ciao

Avatar utente
stefanocona
Presidente
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 24 novembre 2014, 8:53
Località: Anzio
Ha ringraziato: 45 volte
E’ stato ringraziato: 268 volte

Re: Espansione e contrazione

da stefanocona » 12 febbraio 2016, 12:53

"Nascere uomo su questa terra è un incarico sacro. Abbiamo una responsabilità sacra,
dovuta a questo dono eccezionale che ci è stato fatto, ben al di sopra del dono
meraviglioso che è la vita delle piante, dei pesci, dei boschi, degli uccelli e di
tutte le creature che vivono sulla terra. Noi siamo in grado di prenderci cura di loro".

(Shenandoah)

Cara Lidia... lo sai che quel posto va riempito.

un abbraccio
stefano
Stefano Antonio Mariano Cona


Mi feci tante domande che andai a vivere sulla riva del mare e gettai in acqua le risposte per non litigare con nessuno. ( Neruda)

my page
viewtopic.php?f=26&t=3077&p=16409#p16409

no avatar
LidiaG
 
Messaggi: 1364
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 12:13
Ha ringraziato: 517 volte
E’ stato ringraziato: 533 volte

Re: Espansione e contrazione

da LidiaG » 12 febbraio 2016, 14:06

> Aleteia
> Lastellachebrilla
> Stefano


Grazie delle letture e delle parole di comprensione. Non so neanche io perchè stia dando la stura a un sentire che faccio fatica io stessa a percepire come normale, forse sono tentativi di comprensione di me stessa e dei miei stati d'animo che sfuggono a qualunque razionalità attraverso la scrittura. non so se sono davvero in questo necessario passaggio di contrazione, di certo avverto una sorta di eccesso che tuttavia non riesco a ridimensionare se non scrivendomi addosso.
abbiate pazienza qualche giorno ancora.
"C’è una foresta vergine in ciascuno di noi in cui preferiamo addentrarci da soli. Avere sempre la solidarietà, essere sempre accompagnati, essere sempre compresi, sarebbe intollerabile."
Virginia Woolf "Collected Essays"

Avatar utente
Aleteia
 
Messaggi: 169
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:58
Ha ringraziato: 67 volte
E’ stato ringraziato: 46 volte

Re: Espansione e contrazione

da Aleteia » 12 febbraio 2016, 18:03

la scrittura è catartica sotto molti punti di vista, sia perchè si riversa fuori di sè il dolore, se mi permetti il termine si "vomita" e se ne prendono le distanze, sia perchè si analizza, in un secondo tempo, ciò che si è scritto per una maggiore consapevolezza del proprio sè..quindi scrivi a più non posso, ma non ti dimenticare di vivere.
se vuoi ne possiamo parlare in privato
M_
La libertà dell’essere passa attraverso il rogo dell’apparire
Margot Croce

Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1192
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Re: Espansione e contrazione

da malatesta » 13 febbraio 2016, 10:53

Cominciai ad allenare il piede sinistro a giocare a calcio quando nel mio ruolo sulla fascia destra arrivò in oratorio un ragazzo molto bravo, fu così che giocai prima a calcio e poi a calciotto sempre sulla sinistra, siamo riprogrammabili come ogni altra macchina, basta averne un motivo di vita.
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren


Torna a Narrativa intimistica ed introspettiva

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron