istantanee dall'Armenia

Regole del forum
Testi connotati da aspetti intimistici dell'Autore o di Personaggi di pura fantasia. Elemento caratterizzante è l'elemento psicologico afferente il personaggio o una azione o serie di comportamenti del personaggio.
Avatar utente
baronerampante
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 24 febbraio 2015, 23:27
Ha ringraziato: 4 volte
E’ stato ringraziato: 82 volte

istantanee dall'Armenia

da baronerampante » 19 agosto 2016, 16:30

Confine Georgia -Armenia

Un fiume divide i due paesi, un ponte li congiunge: una fila indiana trascina bagagli e lenta una uguale di auto.
Il confine di oggi riporta a quelli superati in passato, con speranza di felicità, che portarono dolore.

Ma l'unica chiave per vivere è superare frontiere.

****

Chiesa di akhtala

Dietro il cancello del muro che circonda la chiesa compaiono due bimbi, ti guardano col palmo aperto e sopra un po' di minerali, un pezzettino di carta con scritto: 5 dramma.

****

Il giudizio universale nella chiesa di Akhtala

Chi risorgerà tra i giusti avrà un corpo di 33 anni e chi sarà dannato sarà una maschera senza corpo: l'inferno non sono le fiamme è non esistere.

****

La tenda

Non c'e' iconostasi qui nella chiesa Armena come nelle chiese ortodosse, ma una tenda rossa che divide la platea dall'abside: la porta del paradiso; è chiusa e di colore nero nel periodo della quaresima e i fedeli possono solo ascoltare la messa, ma non prendere l'eucarestia, con la Pasqua finalmente si apre: è la rinascita.

****

Monastero Sanahin

Alcuni monaci armeni possedevano il potere della telepatia?

Gavit in basalto davanti alle chiesa, dentro la chiesa l'abside contiene un altare -palco (che si chiude con la tenda rossa-sipario), su di esso il sacerdote recita in pantofole o scalzo.

Biblioteca del convento: fragorosamente inciampico su di una pietra da cui è sostenuto un vaso che si divide in pezzi, guarda allibita la guardiana: mi fulminerebbe se potesse.

****

Haghartsin

Oggi è la festa della Madonna: si benedice l'uva. Due sacerdoti, il primo con una corona dorata e l'altro con un cappuccio, cantano da sopra l'altare un alleluia e aspergono d'acqua santa l'uva, davanti al silenzio dei fedeli in piedi.
Ai lati dell'ingresso due vassoi con tante sottili candele crepitano sottovoce nel buio.

****

Le costruzioni delle chiese hanno le fondamenta mobili, in modo da resistere ai terremoti. Così dobbiamo essere: elastici per non cadere nella disperazione quando siamo colpiti dalle calamità.

****

Per il mondo ci sono 7 milioni di armeni, quando in Armenia ce ne sono 3 milioni.

****

Lago di Sevan (monastero di sevanavank)

È un mare il lago di Sevan dalla cima del monastero di Sevanavank.

****

Iacob (la guida): la religione cristiana è quella dei popoli capaci di pensieri complessi, i musulmani hanno una religione che va bene per i semplici, gli dicono che in paradiso ogni uomo avrà 72 vergini, a quello credono, e magari si fanno saltare in aria.

****

Noratus cimitero

Un giovane storpio col cappelletto tra le grandi orecchie sporgenti ci viene incontro oscillando all'entrata del cimitero: vuole vendere bracciali inseguendoci tra le tombe. Nell'ampia distesa gialla le steli con grandi croci ( le khachkar ) maculate di licheni arancioni: sono un esercito rivolto contro il nemico ad ovest. Una mucca scaccia le mosche sotto l'ombra delle croci e impedisce di vederle, un piccolo gregge profana le tombe con le cacche sotto lo sguardo contrariato di Iacob, due pastore con voci gutturali le chiamano .
Nel terreno pietre tombali dai disegni primitivi rappresentano i defunti nelle loro attività quotidiane, con lo sguardo rivolto alla croce.

****
Il caravanserraglio del passo di Selim

I bambini con la mimetica disposti in un plotone sgangherato marciano verso l'ingresso del caravanserraglio sotto le grida del sergente full metal jaket .
Dopo l'uscita un grido di urra' un abbraccio nell'aria tra i bambini marines.

****
I conventi di Noravank

Sormontate da selvagge montagne rosse le gialle e slanciate chiese di calcare: si ergono al cielo nelle loro decorazioni di simboli, ma è in loro l'ossequio verso la Natura: l'uomo può essere grande ma non è mai il più grande.

****
Ararat

Compaiono da lontano nella foschia i due Ararat.
Un sms della compagnia telefonica mi comunica che sarei già in Turchia.
Meglio non dirlo a Iacob per non irritarlo.

****
Le cicogne

Enormi i nidi delle cicogne costruiti su pali della linea elettrica parallela alla strada.

****
Il confine Armenia -Turchia

Il confine è lì: il fiume Arasse, in lontananza l'Ararat, il monte dell'arca di Noè alla fine del diluvio.

****
Museo di storia dell'Armenia

Una statuina di marmo bianco acefala e senza arti, due braccia l'abbracciano al collo.
L'unica cosa che vale la pena è l'abbraccio non le parole, l'emozione non il sapere o il dovere nutrono nel sangue; l'unica cosa di cui ci nutrivamo da bimbi insieme al latte.

****
La collina delle rondini

Qui un fuoco circondato da 12 colonne inclinate ricorda il genocidio armeno del 1915 : debolezza e paura creano odio.

****
Santa Hripsime' (Santa Patrizia )

Il femminicidio di una donna che ha rifiutato la violenza del re Tiridate. Sopra al suo corpo il patriarca Comitas costruì la cattedrale di Hripsime'.

****
Fortezza di Amberd

La lunga strada sconnessa si inerpica cauta in mezzo al deserto verde, fiori gialli e grigi basalti, carcasse arrugginite di autobus ai bordi della strada, bovini che sbarrano il percorso, tombe nascoste tra le erbe, un lento varco nella solitudine - l'aria tersa, rarefatta - fino alle mura della fortezza: là dove siamo nascosti.

****
Le chiese del convento di Geghard

Come preghiere scavate nella roccia da monaci in discesa verso il cielo, da un foro nel duro basalto, scheggia dopo scheggia
a innalzare le mura fin giù al pavimento: termine ultimo di una vita santa.
Ultima modifica di baronerampante il 20 agosto 2016, 18:31, modificato 7 volte in totale.
"L'artista dovrà impiegare tutta l' energia, la sincerità e la più grande modestia per prendere le distanze, durante il suo lavoro, da vecchi clichés". Matisse

Avatar utente
Sarino
 
Messaggi: 773
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 12:59
Ha ringraziato: 55 volte
E’ stato ringraziato: 240 volte

Re: istantanee dall'Armenia

da Sarino » 19 agosto 2016, 20:23

una pagina di prosa che è poesia sofferta, graffiante, malinconica.
Molto bella!
Quando non sai cos'è, allora è jazz! - (La leggenda del pianista sull'oceano)

Avatar utente
galatea belga
 
Messaggi: 495
Iscritto il: 26 dicembre 2014, 17:28
Ha ringraziato: 94 volte
E’ stato ringraziato: 152 volte

Re: istantanee dall'Armenia

da galatea belga » 20 agosto 2016, 16:04

In viaggio con le tue emozioni :-)

Grazie !

Avatar utente
vaibhava das
 
Messaggi: 1810
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:37
Ha ringraziato: 22 volte
E’ stato ringraziato: 602 volte

Re: istantanee dall'Armenia

da vaibhava das » 20 agosto 2016, 16:37

Il monte Ararat è imponderabile: avendo occhi per vedere si rimarrebbe sbigottiti.

Avatar utente
baronerampante
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 24 febbraio 2015, 23:27
Ha ringraziato: 4 volte
E’ stato ringraziato: 82 volte

Re: istantanee dall'Armenia

da baronerampante » 30 agosto 2016, 19:32

Grazie

Sarino
Galatea
vaibhava das

per avermi accompagnato in questo viaggio per l'Armenia.
Roberto
"L'artista dovrà impiegare tutta l' energia, la sincerità e la più grande modestia per prendere le distanze, durante il suo lavoro, da vecchi clichés". Matisse


Torna a Narrativa intimistica ed introspettiva

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron