la gabbia

Regole del forum
Testi connotati da aspetti intimistici dell'Autore o di Personaggi di pura fantasia. Elemento caratterizzante è l'elemento psicologico afferente il personaggio o una azione o serie di comportamenti del personaggio.
no avatar
lastellachebrilla
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 14 dicembre 2014, 23:53
Ha ringraziato: 250 volte
E’ stato ringraziato: 185 volte

la gabbia

da lastellachebrilla » 1 settembre 2016, 0:24

Il desiderio del momento era uno. Colorare di bianco, di rosa, di verde, di giallo, di arancione, di tutti i colori possibili, mischiati, sfumati, tenui o fitti, tutti gli angoli della memoria, quella tale o pseudo tale, senza differenza perché entrambe vivono fino a quando lo si ritiene utile. Per poter gettare colate di colore sui pensieri più bui che spesso sono ricordi, bisogna attraversare un fiume nero, nero pesto, maleodorante, ma il passaggio è necessario, diciamo pure indispensabile. Ho rischiato di finirci dentro e di non uscirne più, come risucchiata da sabbie mobili che non perdonano, nemmeno il più innocente volo di mosca. I colori sono le scintille dell’essere quando è vivo, palpitante, presente con il cuore più che con la mente. Aperto, gioioso se gli è possibile. Nelle acque paludose la gioia non è di casa. Viene estromessa per default. Come se non fosse all’altezza della situazione, incapace di comprendere la gravità del fatto. O dei fatti. Quali? Siamo al mondo. Davvero? Malauguratamente al mondo, collettivamente nel mondo direi. Ma la vita sembra essere un fatto individuale, strettamente individuale. Sembra un privilegio per pochi, da conservare, difendere. Mi chiedo cosa ci sia da condividere e se possa essere concepibile il piacere di condividere. Forse il desiderio di condividere. Innato? Potrebbe. Quanto quello del sopraffare l’altro. Poi interviene l’ambiente, l’educazione e la scelta. La libera scelta. A ognuno la sua.
Così ho scelto. Forse scelsi e non me ne accorsi. Già da qualche tempo, qualche anno. Scelsi i colori. La vivacità del pensiero. Scelsi di fare spazio – intuitivamente pulito - intorno e dentro me. Di cercare il modo per sradicare un ferro, poi un altro, un altro e un altro e uscire dalla gabbia. Dove sembrava volessero chiudermi o dove sembrava volessi continuare a nascondermi.

Avatar utente
f.almerighi
 
Messaggi: 1532
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 10:27
Ha ringraziato: 195 volte
E’ stato ringraziato: 588 volte

Re: la gabbia

da f.almerighi » 2 settembre 2016, 14:11

uno scritto "liberatorio" fino all'ultimo bullone

no avatar
Giuseppe Novellino
 
Messaggi: 73
Iscritto il: 6 luglio 2016, 18:30
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 7 volte

Re: la gabbia

da Giuseppe Novellino » 5 ottobre 2016, 11:49

Uno sfogo, ricco di sfumature psicologiche. Scritto con vivacità espressiva.

Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1192
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Re: la gabbia

da malatesta » 5 ottobre 2016, 19:07

Si, la vita è un fatto estremamente individuale che condividiamo solo per opportunismo.
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren


Torna a Narrativa intimistica ed introspettiva

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron