GIUSEPPE GIOACHINO BELLI - Li polli de li vitturali*

Opere dei Grandi di cui al titolo della sezione e riflessioni sulle loro opere, correnti di pensiero, e forme espressive.
Regole del forum
Opere dei Grandi di cui al titolo della sezione e riflessioni sulle loro opere, correnti di pensiero, e forme espressive.
Avatar utente
guga
 
Messaggi: 1078
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 0:46
Località: Lido di Roma
Ha ringraziato: 206 volte
E’ stato ringraziato: 369 volte

GIUSEPPE GIOACHINO BELLI - Li polli de li vitturali*

da guga » 19 agosto 2015, 11:19

Lo sapémo* che tutti 'sti carretti
de gabbie de galline e cesti d'òva
vienghéno* da La Marca*: ma a che giova
de sapéllo* a noàntri* poveretti?

Pe' noàntri* la grascia* nun zze trova*.
Le nostre nun zzo' bocche da guazzetti*.
Noi un tozzo de pane, quattr'ajjetti*,
e sempre fame vecchia e fame nòva.

Preti, frati, puttane, cardinali,
monzzignori, impiegati e bagarini:
ecco la gente che po' fa' li sciali*.

Perché 'ste sette sorte d'assassini,
come noàntri fùssimo animali,
nun ce fanno mai véde* li quadrini.

G. G. Belli
1883, 28 Ottobre.


GLOSSARIETTO E NOTE:

TITOLO = I polli dei vetturini
Lo sapémo = lo sappiamo
Vièngheno = Vengono
Da la Marca = dalle Marche
Sapéllo = saperlo
Noàntri = noi
La grascia = l'abbondanza
Pe' noàntri ... trova = per noi l'abbondanza non si trova
Guazzetti = Intingoli, manicaretti
Quattr'ajjetti = quattro spicchi d'aglio
Fa' li sciali = sprecare
Nun ce fanno mai véde = non ci fanno mai vedere

Le mie riproposte dei sonetti belliani guardano sempre con un occhio al passato e uno al presente. In questo, mutatis mutandis, possono cambiare le categorie dei privilegiati ("le sette sorte d'assassini": preti, frati, puttane, ecc, ecc,) ma non i poveretti che non potranno mai scialare: i versi 7-8 sono di una potenza espressiva drammatica e fulminante, fra i più belli di tutto il canzoniere del Poeta trasteverino.
Al contrario di altre occasioni, in questo sonetto manca del tutto l'ironia: si legge la rabbia per la dignità offesa e le ingiustizie sopportate da un popolo governato da una teocrazia impossibile.


(guga)

Avatar utente
f.almerighi
 
Messaggi: 1532
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 10:27
Ha ringraziato: 195 volte
E’ stato ringraziato: 588 volte

Re: GIUSEPPE GIOACHINO BELLI - Li polli de li vitturali*

da f.almerighi » 1 settembre 2015, 10:45

teocrazia impossibile un tempo, cricca non smacchiabile adesso. Marino è ancora in vacanza? :lol: :lol: :lol:

Avatar utente
vaibhava das
 
Messaggi: 1809
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:37
Ha ringraziato: 22 volte
E’ stato ringraziato: 602 volte

Re: GIUSEPPE GIOACHINO BELLI - Li polli de li vitturali*

da vaibhava das » 2 settembre 2015, 8:40

Dinanzi al prete/ ci si fà un inchino!
Vaibhava das ritorna da censore,
rimando versi, ma di tutto core,
in replica al gran Belli Giovacchino.


Viva le cadenze rimate, viva i sonetti!


Torna a I Grandi della letteratura greco/latina italiana e straniera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite