Perché dio è minuscolo**********************

Regole del forum
La Biblioteca contiene le Opere che l'Amministrazione sceglie tra quelle che hanno ricevuto almeno CINQUE segnalazioni dai commentatori. Contiene altresì le Opere che pur non avendo ricevuto segnalazioni sono considerate dall'Amministrazione meritevoli di essere trasferite in Biblioteca
Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Perché dio è minuscolo**********************

da malatesta » 2 maggio 2015, 10:25

Mia zia mi crebbe bambino come creatura e poi fui subito cristiano.
Tra l’uno e l’altro vi era stata lei, che vedeva in ogni cosa la creazione ed in ogni uomo il Cristo.
Ma non mi parlò mai di un dio.
Che anche l’uomo fosse una creazione, come le cose o gli altri animali, che nasceva e finiva nella stessa natura era una constatazione frutto del suo pensiero e non dell’ignoranza contadina.
La creazione per lei era nella natura delle cose, ed era tutto ciò che i sensi potevano percepire, null’altro prima e niente dopo.

“Ogni essere può essere, purché sia” era la filosofia naturale in cui anche Cristo era inserito.
Non avendo mai visto un uomo morto tornare a vivere o un pollo ricomparire nella gabbia dopo avergli mozzato la testa, tutto finiva come era iniziato, senza motivi che non fossero nella natura propria delle cose.
Cristo perciò non era un concetto che dall’umano conduceva al divino, egli apparteneva alla natura come chiunque altro e non poteva perciò essere tornato in vita.
Era invece un modello per ogni altro essere, che se voleva vivere nella natura doveva essere cristiano, cioè seguire gli insegnamenti che egli aveva lasciato in vita.
Un cristiano non avrebbe mai avuto bisogno di un dio per essere una parte della natura, bastava seguire poche regole di vita, la prima e l’ultima erano l’amore, in mezzo ciascuno poteva metterne altre purché partissero dalla prima e portassero all’ultima.
Chi non riusciva a vivere nel rispetto di queste regole era contro natura e si sentiva inadeguato ad essa, e neppure si riteneva una sua creatura, perciò cercava altrove risposte a domande inutili per chi invece era cristiano.
Ogni creatura della natura doveva essere cristiana, e in quanto tale non avrebbe mai cercato un dio.

L’uomo era nella natura, come gli animali e le cose, Cristo era stato uomo nella natura, e tutto e tutti erano esseri in quanto erano, un dio che non era una percezione sensoriale non poteva essere, infatti non era mai stato parte della natura, cioè una creatura e neppure cristiano.
Cristo e dio per mia zia non erano la stessa cosa, e se mai tra i due doveva esserci una scala di valori, il minuscolo era proprio dio.
La cristianità, anche la chiesa stessa di Cristo, non era basata per lei sul mistero della resurrezione che serviva a giustificare un dio, ma sull’amore che egli aveva lasciato come insegnamento di vita.
“Cristo prova che dio non serve all’uomo” era la risposta alle domande che anch’io da creatura le ponevo, ma questo prima che io fossi cristiano, cioè una creatura della natura che in essa vive in amore con tutte le cose, e con l’uomo.
Che si possa essere cristiano senza credere in nessun dio oggi è pensiero se non comune, quantomeno accettato e anche a volte cercato, di certo dio è una mancanza dell’uomo.
“No devi credere in dio, devi essere Cristo”, così mia zia ammutoliva anche i preti e i credenti più convinti, e così mi insegnò ad essere cristiano.
E’ per tutto questo che dio è minuscolo nelle mie parole, ma Cristo sarà sempre maiuscolo.
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren

no avatar
Nuccina
 
Messaggi: 444
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 17:29
Ha ringraziato: 30 volte
E’ stato ringraziato: 140 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da Nuccina » 2 maggio 2015, 19:14

penso che sia tutta questione di fede e alla fede vi si arriva dopo un lungo percorso di dolore, cosi almeno è successo a me, e in questa fede Dio e Cristo sono in un certo senso l'uno manifestazione dell'altro, e mentre quando ero piccolina anche io pensavo ad un dio in minuscolo e a un Cristo in maiuscolo, poi maturai una concezione diversa e non finisco mai di mettere in discussione concetti e pensieri e non lascio mai che la fede sia un sentimento acquisito ma vissuto giorno dopo giorno, in maniera anche abbastanza difficile.
...è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa cosi importante

no avatar
LidiaG
 
Messaggi: 1364
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 12:13
Ha ringraziato: 517 volte
E’ stato ringraziato: 533 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da LidiaG » 3 maggio 2015, 7:30

Prima di leggere questo brano pensavo di essere agnostica nei riguardi di dio, ora so che è semplicemente minuscolo anche per me.
Che cosa o chi solleciti ogni individuo bambino a elaborare nella sua crescita intellettuale e spirituale una propria idea-o ideale- del religioso varia da persona a persona. Dove c'è una zia_madre esplicita, dove invece una madre meno diretta ma ugualmente incisiva con esempi di vita quotidiana: alla fine alcuni individui percorrendo diverse strade si ritrovano davanti alla stessa pietra. Così è per me leggendo te.
Ciao
"C’è una foresta vergine in ciascuno di noi in cui preferiamo addentrarci da soli. Avere sempre la solidarietà, essere sempre accompagnati, essere sempre compresi, sarebbe intollerabile."
Virginia Woolf "Collected Essays"

Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da malatesta » 3 maggio 2015, 11:12

Nuccina ha scritto:penso che sia tutta questione di fede e alla fede vi si arriva dopo un lungo percorso di dolore, cosi almeno è successo a me, e in questa fede Dio e Cristo sono in un certo senso l'uno manifestazione dell'altro, e mentre quando ero piccolina anche io pensavo ad un dio in minuscolo e a un Cristo in maiuscolo, poi maturai una concezione diversa e non finisco mai di mettere in discussione concetti e pensieri e non lascio mai che la fede sia un sentimento acquisito ma vissuto giorno dopo giorno, in maniera anche abbastanza difficile.


Tu sai quanto siamo vicini per alcune cose e lontani per altre, quello delle fede è una questione che il brano tende proprio ad escludere come percorso di vita, immaginando l'esistenza, tutta, non umana e basta, come una incidentalità tra due eventi, la vita e la morte di una parte energetica della natura che si manifesta nella sua eternità immanente.
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren

Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da malatesta » 3 maggio 2015, 11:19

LidiaG ha scritto:Prima di leggere questo brano pensavo di essere agnostica nei riguardi di dio, ora so che è semplicemente minuscolo anche per me.
Che cosa o chi solleciti ogni individuo bambino a elaborare nella sua crescita intellettuale e spirituale una propria idea-o ideale- del religioso varia da persona a persona. Dove c'è una zia_madre esplicita, dove invece una madre meno diretta ma ugualmente incisiva con esempi di vita quotidiana: alla fine alcuni individui percorrendo diverse strade si ritrovano davanti alla stessa pietra. Così è per me leggendo te.
Ciao


I percorsi di vita che evolvono restando nella natura sensibile portano all'accettazione della esistenza in quanto tale e non come manifestazione di altro o di altri, quei percorsi che portano ad un altrove della mente per me sono mancanti non di una zia o di una madre, ma di verità, dovrebbero essere ripercorsi all'inverso per trovare il momento della vita in cui si è inciampati in un sasso o si è sbagliato bivio, l'analisi è una buona cosa in tal senso.
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren

no avatar
lastellachebrilla
 
Messaggi: 775
Iscritto il: 14 dicembre 2014, 23:53
Ha ringraziato: 262 volte
E’ stato ringraziato: 186 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da lastellachebrilla » 3 maggio 2015, 23:16

Una testimonianza la tua che ho letto con vero piacere
Che bello potersi permettere di mettere da parte quel dilemma che pare inevitabile credo o non credo e poter fare lo zoom su qualcosa di indescrivibilmente piu'grande inizia con l'amore e finisce con l'amore
....
Ora cosa vuoi farne tu di questa vita?
Intanto la segnalo per la biblioteca poi si vedrà'
Ciao e grazie per la lettura

Avatar utente
espen plomma
 
Messaggi: 356
Iscritto il: 16 gennaio 2015, 15:43
Ha ringraziato: 95 volte
E’ stato ringraziato: 147 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da espen plomma » 4 maggio 2015, 12:07

il dio cristiano è minuscolo sempre, in quanto non è una persona. il dio cristiano di persone sono tre. Cristo è sempre maiuscolo. Cristo è una persona. E' la persona. Se qualcuno scrive dio con la maiuscola, è per rispetto verso chi quel dio lo ha dentro, ovvero ogni uomo. dio senza io, infatti, è un errore di grammatica. a rivederti dall'altra parte, se ci saremo tutti e due, ci faremo una bella risata. se di là non c'è niente, va bene lo stesso.

no avatar
costanza pocechini
 
Messaggi: 1198
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 19:22
Ha ringraziato: 1378 volte
E’ stato ringraziato: 577 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da costanza pocechini » 4 maggio 2015, 18:46

Bellissima esemplificazione per non sentirsi comunque destinati,
vi ho colto la tenerezza d'un saggio che perdona ad un dio, piccolo,
la poca esperienza di non essere mai stato Uomo.

(alzo bandierina: secondo me potrebbe essere un testo didattico)
Immagine
...non sono un Poeta, interpreto ciò che avverto narrandomelo, narrandolo

Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da malatesta » 4 maggio 2015, 21:19

lastellachebrilla ha scritto:Una testimonianza la tua che ho letto con vero piacere
Che bello potersi permettere di mettere da parte quel dilemma che pare inevitabile credo o non credo e poter fare lo zoom su qualcosa di indescrivibilmente piu'grande inizia con l'amore e finisce con l'amore
....
Ora cosa vuoi farne tu di questa vita?
Intanto la segnalo per la biblioteca poi si vedrà'
Ciao e grazie per la lettura


Grazie del commento, di questa vita posso farne solo motivo di ricerca dell'uomo, la scrittura ne è un modo.
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren

Avatar utente
malatesta
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: 6 marzo 2015, 22:00
Ha ringraziato: 0 volte
E’ stato ringraziato: 248 volte

Re: Perché dio è minuscolo

da malatesta » 4 maggio 2015, 21:23

espen plomma ha scritto:il dio cristiano è minuscolo sempre, in quanto non è una persona. il dio cristiano di persone sono tre. Cristo è sempre maiuscolo. Cristo è una persona. E' la persona. Se qualcuno scrive dio con la maiuscola, è per rispetto verso chi quel dio lo ha dentro, ovvero ogni uomo. dio senza io, infatti, è un errore di grammatica. a rivederti dall'altra parte, se ci saremo tutti e due, ci faremo una bella risata. se di là non c'è niente, va bene lo stesso.


Grazie del commento, il fatto è che c'è secondo me solo un di qua, se vuoi vediamoci adesso, skype potrebbe essere un modo....
"L’amore è abbondante, e ogni relazione è unica"
Andie Nordgren

Prossimo

Torna a Biblioteca

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron