Pagina 1 di 1

Solitario di parole

MessaggioInviato: 18 marzo 2017, 16:40
da _Marina_Pacifici
Ombra che torni a visitare le mie sere
resta con me
e in solitudine
ricordami lontane primavere.

Rammentami altre stagioni
col sorriso della nostalgia
e la dolcezza perduta di un tempo che era,
lascia ai ricordi la via nell'autunno di sole.

Posa il tuo sguardo sul mio
nella rimembranza che al cuore non duole.
Ascolta il rimpianto divenire elegia,
poi in silenzio,
nella malinconia di chi rimane, te ne andrai
mentre il ticchettare della tastiera
m'illumina l'anima in un solitario di parole.

Re: Solitario di parole

MessaggioInviato: 18 marzo 2017, 18:15
da vaibhava das
La Realtà del Celebrato venerato quivi perdura trascendendo il tempo conosciuto fra gli umani.

Re: Solitario di parole

MessaggioInviato: 24 marzo 2017, 16:47
da f.almerighi
è bellissima, ci sei tu, la tua identità in questa musica, se mi posso permettere ti consiglierei di togliere due parole "della tastiera". Complimenti