L'uomo di Esfahan

Regole del forum
Opere Poetiche di tutti i generi( dalla Ballata al Madrigale, dallo Strambotto al Sonetto, dall'Ode alla Romanza etc etc ) ed espresse con le più varie tendenze e correnti poetiche ( dal Dolce Stil Novo, al Futurismo, all'Ermetismo, al Modernismo etc etc.

I commenti alle Poesie pubblicate siano essi di apprezzamento o di critica debbono essere motivati indicando i n via generica i punti di forza e di debolezza che il commentatore riscontra. ( contenuto poetico , genere e tendenza , figure poetiche, stile espressivo etc etc)

Non sono consentiti nella Sezione suggerimenti e parziali riscritture di versi strofe e semplici lemmi , per i quali si rimanda alla sezione appositamente dedicate ( Laboratorio Poetico)
Avatar utente
galatea belga
 
Messaggi: 493
Iscritto il: 26 dicembre 2014, 17:28
Ha ringraziato: 94 volte
E’ stato ringraziato: 152 volte

L'uomo di Esfahan

da galatea belga » 12 luglio 2017, 16:58

Della tua Terra

delle moschee blu

conservo il ricordo nella piastrella antica

e quei tappeti Qoms

su cui poter pregare

o tessere legami come facevi tu.

Di Esfahan la bella, sento la nostalgia

senza aver mai bevuto

l’indigo intenso,magico, delle sue grandi cupole

quella bellezza ,che tu, suo figlio esiliato

ti sei portato dentro.

Sei arrivato qui, Re, appassionato

di altre comunioni

e siamo stati tanti

intorno alla quella tavola

ornata di autentico servizio e amore senza pari.

Sei arrivato qui, Re* povero, arricchito

da versi in lingua araba e leggi inevitabili, bagnate d’Infinito.

Ma eri uomo fragile

viandante, come gli altri

che attraversa il mondo

protetto si dall’Alto

ma sempre bisognoso

di ascolto e tenerezza.

Non so in che percentuale

hai avuto e hai donato

ma so che oggi esisti

in forma addolorata

nel corpo mutilato , nei sensi torturati

e in quel sorriso intatto

d’ingenuo uomo nuovo.

Saprà la mia preghiera e quella di altri amici

ridarti nuova vita

rifarti fiamma viva

di un mondo da cambiare ?

* Re Khosrho in Iingua iraniana
https://www.youtube.com/watch?v=Rf8SMtZDx18

Avatar utente
vaibhava das
 
Messaggi: 1809
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:37
Ha ringraziato: 22 volte
E’ stato ringraziato: 601 volte

Re: L'uomo di Esfahan

da vaibhava das » 13 luglio 2017, 18:34

Hamed Nickpay è maestro di forma e rinnegatore di contenuti. Da questo, egli piace in occidente. Se all'occidente moderno garbassero anche o meglio soprattutto i contenuti vivi, esso sarebbe un luogo migliore. Le corde vibranti note di vitalità primigenia, o i fili dei tappetti della lievitazione, e dei rosari, sono vie di luce percorse dai magi e dai cultori del sole, e, da lui, del fuoco. Questi viaggiatori portano il Bene, all'est ed all'ovest. Esfahan nesf-e-jahan: Isfahan è il centro del mondo.

Avatar utente
f.almerighi
 
Messaggi: 1532
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 10:27
Ha ringraziato: 195 volte
E’ stato ringraziato: 588 volte

Re: L'uomo di Esfahan

da f.almerighi » 21 luglio 2017, 17:19

il vero centro non è Esfahan, ma l'uomo


Torna a Poesia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti