X Agosto ( di una notte che fu )

Regole del forum
Opere Poetiche di tutti i generi( dalla Ballata al Madrigale, dallo Strambotto al Sonetto, dall'Ode alla Romanza etc etc ) ed espresse con le più varie tendenze e correnti poetiche ( dal Dolce Stil Novo, al Futurismo, all'Ermetismo, al Modernismo etc etc.

I commenti alle Poesie pubblicate siano essi di apprezzamento o di critica debbono essere motivati indicando i n via generica i punti di forza e di debolezza che il commentatore riscontra. ( contenuto poetico , genere e tendenza , figure poetiche, stile espressivo etc etc)

Non sono consentiti nella Sezione suggerimenti e parziali riscritture di versi strofe e semplici lemmi , per i quali si rimanda alla sezione appositamente dedicate ( Laboratorio Poetico)
Avatar utente
stefanocona
Presidente
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 24 novembre 2014, 8:53
Località: Anzio
Ha ringraziato: 45 volte
E’ stato ringraziato: 268 volte

X Agosto ( di una notte che fu )

da stefanocona » 10 agosto 2017, 6:55

Solo grilli e ranocchie
in questo stagno di notte
e il tuo fiato a rincorrere il mio,
a raccontarsi, tra loro,
d’ altre notti di Agosto.

E cadon le luci,
lievi e arroganti,
a graffiare leggere
quel buio infinito,
dove altri occhi e ranocchi
e altri grilli a cantare,
solitari, alle stelle.

La magia di una Volta
a rinchiudere mondi
e pensieri assonnati,
dove occhi sbarrati
son stelle lucenti
essi stessi, a mirare
altre stelle, altri occhi,
lontani,
distanti l’Eterno
accostati all’Istante.

E l’umida brezza
a toccarci la pelle,
a donarci mantelle
di infanzie sopite,
calzari di guazza
per rincorrere,
immoti,
desideri remoti
nell’anime illuse.

Anime stanche,
contuse e ferite,
da stagni di notte
senza grilli né stelle,
senza fiati mischiati
tra i baci e i sussurri
di illuse bugie,
donate all’argento
di magiche scie.

Ma questa è la notte
e questo è il momento
di fingere niente,
di fingere tutto,
sapendo che altri
non hanno più voglia
di guardare le stelle
di fingere ancora
e, ancora,
una volta di più.
Stefano Antonio Mariano Cona


Mi feci tante domande che andai a vivere sulla riva del mare e gettai in acqua le risposte per non litigare con nessuno. ( Neruda)

my page
viewtopic.php?f=26&t=3077&p=16409#p16409

Avatar utente
vaibhava das
 
Messaggi: 1790
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 20:37
Ha ringraziato: 22 volte
E’ stato ringraziato: 593 volte

Re: X Agosto ( di una notte che fu )

da vaibhava das » 10 agosto 2017, 11:05

Il migliore stile 'novecentesco, anticipato dalle prose carducciane e seguito dalla lirica montaliana di periodo esordiente. Si distingue il verso, nella formazione di tutto spicco, per autorità di contenuto e conoscenza di forma. Plauso cordiale al margine di evidente dignità antologica, a contrassegno di facoltà d'ingresso nel Pantheon dei grandi della letteratura.

Avatar utente
f.almerighi
 
Messaggi: 1532
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 10:27
Ha ringraziato: 195 volte
E’ stato ringraziato: 588 volte

Re: X Agosto ( di una notte che fu )

da f.almerighi » 11 agosto 2017, 17:39

poesia del silenzio, quel silenzio in cui spesso ci sentiamo intrusi ma ci ritroviamo

no avatar
lastellachebrilla
 
Messaggi: 756
Iscritto il: 14 dicembre 2014, 23:53
Ha ringraziato: 248 volte
E’ stato ringraziato: 185 volte

Re: X Agosto ( di una notte che fu )

da lastellachebrilla » 13 agosto 2017, 22:56

Ho apprezzato la musicalità dei versi che si leggono cadenzati ed armoniosi
a fare le strofe
...e nel silenzio sfuma l'ultima nota che risuona più triste di altre
Nel palcoscenico che abbiamo l'onore di attraversare

Piacere di averti letto
Ciao

Avatar utente
_Marina_Pacifici
 
Messaggi: 632
Iscritto il: 16 dicembre 2014, 16:03
Ha ringraziato: 560 volte
E’ stato ringraziato: 141 volte

Re: X Agosto ( di una notte che fu )

da _Marina_Pacifici » 16 agosto 2017, 21:06

Una lirica bellissima che seduce dal primo all'ultimo verso.
Un grande piacere rileggere il nostro immenso Stefano.
Tanti cari saluti,
Marina e Lorenzo l'esiliato... :lol:


Torna a Poesia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron