E FU L’ AVVENTO

Prose caratterizzate da elementi poetici e del caso da ritmo di lettura riconducibile a connotati metrici.
Regole del forum
Prose caratterizzate da elementi poetici e del caso da ritmo di lettura riconducibile a connotati metrici.
no avatar
costanza pocechini
 
Messaggi: 1198
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 19:22
Ha ringraziato: 1378 volte
E’ stato ringraziato: 577 volte

E FU L’ AVVENTO

da costanza pocechini » 31 luglio 2015, 18:34

E FU L’ AVVENTO

L’infinito m’apparve finito,
fra ruderi di stelle e pianeti muffiti,
pochi mondi sbilenchi, ruotavano.

< La fine è avvenuta? >
< Da secoli mia divina… l’essere umano è stato più veloce dell’Iddio! >
< E… io dov’ero? >
<Nel mio regno…. sulla Terra a me destinata! >

Così dice la Genesi, ora ricordo, a Lucifer portatore di luce fu donata.

Indossa un manto trapunto di stelle,
vivide e pulsanti, come il suo abbraccio:
< Nutri nel ventre il frutto dell’amore sublimato,
sotto la volta del Giudizio Universale è stata la catarsi,
finché di Michelangelo è trascesa l’Arte divina..
Vai a scegliere dove sgravare… >

I suoi eserciti mi scorteranno,
sarò madre del fiat suo.

Cerco l’Eden nella Mesopotamia,
ove nacqui e l’arcobaleno forse era perenne,
partorirò sotto le palme e lo zefiro intonerà la ninna nanna,
ma, anche qui il potere ne ha mangiato l’anima.

É nel Tibet la libertà del pensiero,
della mente la parola,
degli eletti il ritorno,
ma la strada è stata sbarrata.

Allora nei regni eterni, occultati all’uomo,
vedrà la luce mio figlio,
sarà il mio amore il sole e la luna,
tutto ciò che l’umano ha distrutto.

< Mio Principe arcano, Essenza che t’incarni… ,
privata dell’anima, statua di sale sto diventando…>

< No, genitrice, la tua anima la custodisco io,
la vita annientata l’ho raccolta io
e a mio figlio darò la Materia d’origine,
così come l’Onnisciente la donò a me >

É stato scritto:
… e compiuto il destino, sarà l’avvento della felicità…

… … …
[-Non piangeremo più…?-]
[-Errò il Creatore a non volere accanto a sé la donna?-]
… … …



- - - -
(N.d.A, epilogo del trittico:
Sul lago di Telese; Incantarsi ad un Angelo; Preludio a due mani)
Immagine
...non sono un Poeta, interpreto ciò che avverto narrandomelo, narrandolo

no avatar
lastellachebrilla
 
Messaggi: 775
Iscritto il: 14 dicembre 2014, 23:53
Ha ringraziato: 262 volte
E’ stato ringraziato: 186 volte

Re: E FU L’ AVVENTO

da lastellachebrilla » 1 agosto 2015, 23:59

mi piace quello che racconti
sembrano tue visioni esperienze
più che componimenti letterari o poetici
....
a parte tutto ciò, credo che la donna sia quella
parte che completa dell'uno
ora non mi viene da aggiungere molto altro
anche se, è risaputo,
c'è un mondo intero da raccontare
- o vivere? -

ciao carissima e grazie per la lettura


Torna a Prose poetiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron