DU' ARANCI (Riproposta in prosa)

Prose caratterizzate da elementi poetici e del caso da ritmo di lettura riconducibile a connotati metrici.
Regole del forum
Prose caratterizzate da elementi poetici e del caso da ritmo di lettura riconducibile a connotati metrici.
Avatar utente
guga
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: 15 dicembre 2014, 0:46
Località: Lido di Roma
Ha ringraziato: 206 volte
E’ stato ringraziato: 370 volte

DU' ARANCI (Riproposta in prosa)

da guga » 11 agosto 2015, 11:25

Immagine

Quanno so'’ 'scito pe'’ la prima vorta co'’ Lella, nun ciaveco quinnici’anni.
Faceva freddo.
Drento le saccocce de la giacca ciavevo ‘'n par d'’aranci.
Era Dicembre.
Er gelo me scrocchiava sott'’a le scarpe.
Er fiato era '‘n ghiacciolo che se faceva fumo e poi spariva ner cèlo de cristallo, mentre annavo spedito a casa sua, ‘'na casa vecchia co'’ '‘na lucetta gialla sempr'’accesa, sia 'r giorno che la notte, tutto l'anno.
Er cane m’'ha abbajjato fin’'a quanno nun è sortita fòra.

S'’era messa li guanti rossi e ‘'n filo de rossetto je ‘'lluminava ‘'r viso...
Jj'’ho soriso e l'’ho pres'’a bbraccetto.
Sém'’annati, stretti stretti, da lo sfasciacarozze, attraverzzo 'n filare de lampioni messi lì come arberi fanelli, ar magazzino STANDA , ‘ndò se sémo fermati a rifiatà.
Poi sémo ‘'ntrati: nell’'entrà cià sònato ‘'n campanello e c’è vienuta ‘'ncontro ‘'na commessa sortita da ‘'na fila de scaffali.
Amo girato 'n po'’...
Me so'’ fermato ar banco de li dorci e poi jj'’ho fatto: "“Te pòi pijja quello che più te piace...”"
Che soriso ce fu drent’'a quell'’occhi!
Jje saliva dar còre e alluminava l’'angoli de la bocca...
Ner tramente, co'’ le deta, contavo li spiccetti.

Quanno lei scerzze quela cioccolata che me vieniva er doppio de la cifra che ciavevo, abbozzai senza dì’ gnente.
Me svòto la saccoccia da li spicci e, ‘nzziem’'a quelli, ‘'n fila sur bancone,come si fussi tutto regolare, jje ciappoggio ‘'n arancio...
La commessa me sgama e, co'’ '‘n'’occhiata drento l'’occhi, me svaga, come si jj’'avessi detto: “"Hai 'ngamato benissimo: c’è tutto quer che tte posso dà!...”"

Doppo, de fòra, fra le moto, li camio'’ e l'’automobbili, la nebbia spennolava da li rami dell'’arberi, attaccata a le stampelle.
Jje trattengo la mano ne la mano pe ‘'n par de cento metri, poi la lasso libbera, perchè ppossi finarmente, co’ ‘'n zzoriso, scartà la cioccolata...
Io capo l'antr'’arancio, che sbrillùccica come '‘r zzole d'estate, drent’'ar griggio de cotone der cèlo de Dicembre e paro quasi, visto da lontano, quarcuno che pe'’ ggioco o p'e’ crapiccio s'’accenne 'n focherello tra le mano.

GARY SOTO
(Libero adattamento di Rossopasquino)

Torna a Prose poetiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite